lunedì 27 aprile 2009

Lettera a me stessa

Questa volta vi porterò in un viaggio particolare. Niente viaggi esteri, niente viaggi nella società italiana…questa volta, forse la prima, il viaggio è in me. Oggi ho aperto l’album delle foto. Ne ho tante, molte di quando ero piccola; questa qua di fianco ne è un esempio. Guardo quelle foto e incomincio a parlare a me stessa, a quella bambina piccola piccola. Ma non capisco, non riesco proprio, non capisco perché non mi escono parole di gioia, di contentezza. Guardo la piccola Aly che ero, con le lacrime agli occhi, l’accarezzo, la prendo in braccio, le parlo… Aly, ora sei così piccola, così serena, senza problemi…passerai dei begli anni, spensierati, avventurosi, felici, il mondo ti sembrerà un luogo enorme e da scoprire…le delusioni ci saranno, certo, ma le passerai bene, tranquilla… Poi arriverà un giorno preciso, di un mese preciso, di un anno preciso, e tutto comincerà ad incrinarsi e non si sistemerà più…le incrinature aumenteranno e diverranno spaccature irreparabili…e soffrirai, molto…i sogni, i progetti, verranno presi, strappati e bruciati…alcune persone se ne andranno senza volerlo, altre per scelta in modo cinico ti volteranno le spalle…e cadrai ripetutamente per inseguire chi neanche se ne accorge e di certo non lo merita, per inseguire futuri preclusi…per inseguire ideali sotto un orizzonte di fuoco…e le ferite aumenteranno, diverranno sempre più profonde, incurabili…finchè anche il corpo cederà, quello stesso fisico che con divertimento facevi arrampicare sugli alberi, che hai portato su tante terre straniere…l’anima sempre più spesso urlerà il dolore, gli occhi saranno sempre più spesso fissati al cielo o su un punto qualunque dell’orizzonte…ma non saranno quelli d’un viaggiatore che non vede l’ora di ripartire, ma saranno quelli di chi fissa da dietro le sbarre… E mentre ti parlo, Aly, ti tengo in braccio addormentata, con la tua piccola mano che stringe la maglietta…e vorrei chiederti scusa se il mio futuro non è proprio come lo desideravi…e mi sento in colpa…e mi sento sempre più stanca Aly, sempre più disillusa…mi aggrappo alle persone a me care come un naufrago s’aggrappa disperato ad un salvagente, perché sono l’unica cosa che non mi fa andare a fondo… Sai Aly, la voglia di vivere a pieno, ogni secondo, quella non è passata, è rimasta una costante, solo il contesto è cambiato… Aly… Aly…se tu sapessi i dolori, le sofferenze…così profonde che le gioie s’eclissano…e il capire che siamo isole, che dobbiamo contare solo su noi stessi, finchè anche il noi stessi non ci tradisce…
Mi spiace Aly, mi spiace molto…

5 commenti:

l'incarcerato ha detto...

Cara e dolce Aly, quando si incontra il bimbo che si era, capita a tutti(quasi) questa tua reazione. Ma ricordati che sei sempre tu, e ogni tanto fa bene parlare con il tuo io passato, ancora privo di responsabilità perchè ti ricorda che c'è ancora tanto da fare, ma tanto tanto.

ps l'articolo che attendevo era quella mia famosa attesa ;)

Ale ha detto...

Vorrei farti una domanda...

Diresti ad Aly come dovrebbe vivere la sua vita?

Aly ha detto...

X l'incarcerato: grazie di cuore.
X Ale: sinceramente le direi le cose più "ovvie" (sii gentile col prossimo, rispetta tutti..) ma poi lascerei ke vivesse la sua vita cm meglio crede..le darei fiducia.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Aly ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.